Mastoplastica additiva Bari

Ginecomastia

Gli uomini che presentano un eccesso di tessuto nella regione mammaria soffrono di ginecomastia ossia di un eccessivo aumento di adipe nella regione mammaria maschile dovuto ad ipertrofia della ghiandola e in conseguenza di uno squilibrio ormonale. Non poche in tal senso le ripercussioni psicologiche e sociali che tale disturbo comporta.

Scopo dell’intervento

L’intervento di ginecomastia persegue essenzialmente l’obiettivo di modellare la regione mammaria, puntando al ripristino della tipologia maschile lasciando minimi residui cicatriziali.

Esso viene eseguito allorquando terapie alternative a base di inibitori che impediscono la conversione degli androgeni in estrogeni, non siano sufficienti.

Dove si svolge l’intervento

Il dott. Savino Arbore, chirurgo plastico di conclamata professionalità e Dirigente Medico responsabile della u.o. di chirurgia plastica ricostruttiva dell’ospedale Bonomo di Andria, esegue interventi di ginecomastia in Puglia in un’area che comprende le città di Bari, Corato, Andria, Trani, Barletta e generalmente tutta la provincia di Bari e la provincia Bat.

RICHIEDI UNA CONSULENZA

In cosa consiste la Ginecomastia

L’importanza della regione mammaria tanto nella donna quanto nell’uomo impone la ricerca di tecniche che ben si adattino alle necessità di ogni singolo paziente a tal proposito. Le ginecomastie nelle quali oltre alla presenza di una cospicua componente ghiandolare presentano un complesso areola-capezzolo molto più voluminoso rispetto alla media del sesso maschile possono trovare soluzione in un intervento chirurgico che punta alla riduzione del volume mammario e dell’areola.

Tutto il tessuto asportato deve essere valutato a parte per un paragone tra le mammelle e tutti i frammenti di tessuto mammario devono essere sottoposti a esame istologico. È necessario il posizionamento di due drenaggi in aspirazione fatti fuoriuscire dalla cute dell’ascella di destra e di sinistra. Da ultimo viene applicata una medicazione compressiva che si rimuove dopo una settimana dall’intervento.

Mastoplastica additiva a Bari

Tecniche di intervento

Generalmente si usano tecniche che variano a seconda del paziente ma che in definitiva abbiano i seguenti vantaggi:

  • un lembo dermoparenchimale verticale bipeduncolato ben vascolarizzato

  • un’ottima esposizione per la resezione ghiandolare

  • la possibilità di ridisegnare e ridurre le dimensioni del complesso areola-capezzolo

  • originare esiti cicatriziali minimi oltre quelli periareolari.

Preparazione all’intervento

Prima dell’intervento di Ginecomastia occorre presentare i referti di tutte le analisi previste quali elettrocardiogramma, emocromo PT, PTT, fibrinogeno, elettroliti, glicemia, azotemia, sierologia.

Il giorno dell’intervento è consigliabile indossare indumenti comodi e completamente apribili sul davanti.

Anestesia

L’intervento di riduzione del seno maschile viene di solito eseguito in anestesia locale con sedazione e solo in rari casi per interventi di maggior rilievo si ricorre all’anestesia generale

Anestesia
Durata intervento

Durata dell’intervento

L’intervento dura 1 o 2 ore, è assolutamente indolore e termina con una piccola medicazione compressiva.

Ricovero

Generalmente l’operazione chirurgica si esegue in day-hospital tuttavia nei rari casi in cui si tratti di ginecomastie importanti è previsto per il paziente un ricovero in clinica di un paio di notti dopo l’intervento.

Ricovero
Cicatrici

Cicatrici

Gli esiti cicatriziali della ginecomastia lasciano tracce minime. La forma delle cicatrici dipende dal tipo di tessuto da asportare presente nella zona toracica del paziente e se il tessuto cutaneo è adeguatamente elastico le cicatrici residue sono irrilevanti dal punto di vista estetico.

Dopo l’intervento

Dopo l’intervento di ginecomastia si osserva un periodo di riposo di 48 ore. Nei primi due giorni potranno apparire gonfiore ed ecchimosi intorno alla regione trattata. Già dal terzo giorno si possono riprendere le normali attività, evitando tuttavia quelle più faticose nonché saune, bagni turchi e l’esposizione al sole. Dopo due settimane, si possono riprendere tutte le attività, compresa quella sportiva.

Recupero
Tipologie di protesi

Tipologie di protesi

Attualmente esistono in commercio numerosi tipi di protesi. Per quel che riguarda il contenuto le protesi possono contenere nel loro interno gel di silicone, colloidi tipo idrogel ed altro. Per quanto concerne la forma, le protesi possono essere rotondeggianti, a doppio profilo o profilo anatomico. Le pareti testurizzate delle protesi mammarie sono rugose per impedire la reazione capsulare periprotesica.

INTERVENTI DI CHIRURGIA ESTETICA

Il Dott. Savino Arobore, iscritto da oltre 25 anni nell’albo dei Medici-Chirurghi della provincia di Bari, è specialista in Chirurgia estetica, Medicina estetica e Chirurgia ricostruttiva

RICHIEDI UNA CONSULENZA

Ho letto l'informativa privacy

INFORMAZIONI DI CONTATTO

Via Bricoli n.1 – Corato (Ba)

ORARI DI VISITA

Lunedì-Venerdì: 9:00 – 17:00

Sabato: 10:00 – 13:00

Domenica: Chiuso